La convivenza all’interno di un istituto scolastico, con ordini di scuola diversi, oltre ad essere basata su principi comuni, quali quelli illustrati nel piano educativo di Istituto, va regolamentata con documenti specifici basati sulle esigenze che emergono dovute all’età degli alunni e alla loro presenza a scuola

A seguire i tre regolamenti che saranno completati in futuro dal regolamento di disciplina previsto dallo statuto degli studenti e delle studentesse.

NORME DI COMPORTAMENTO

Il bambino può essere ammesso a scuola dopo l‘orario di entrata o dimesso da scuola prima dell'orario di uscita, previo avviso scritto da consegnare alle insegnanti il giorno precedente.

I bambini indosseranno il grembiule, che andrà riportato ogni giorno a casa, o la tuta ove sia necessario per le attività e le ciabatte nella stagione invernale.

La direzione non affida il bambino a persone non autorizzate solo se munite di delega scritta e consegnata all’insegnante.

 

I genitori, accompagnando i loro figli possono accedere ai locali riservati ai piccoli con l'obbligo di rispettare l'orario di entrata e di uscita, ma non possono entrare e sostare all’interno della sezione. Oltre l’orario non possono accedere, al terzo ritardo consecutivo i genitori verranno convocati dalla Direzione.

In caso di infortunio, o di malessere, i genitori vengono tempestivamente informati e, qualora sia necessario ricorrere ad accertamenti medici e/o a cure, devono provvedervi di persona.

Se si tratta di infortunio o malessere grave la scuola richiede immediatamente l’intervento sanitario di emergenza appropriato ed avverte al più presto i genitori; nel caso in cui sia necessario il trasporto in ambulanza e non siano arrivati a scuola i genitori, o un famigliare, la scuola garantisce l’accompagnamento dell’alunno con proprio personale.

Ogni notizia di ordine medico quale l’insorgere di intolleranze o allergie è da riferire alla Direzione con certificato medico.

Il personale non può essere somministrato alcun tipo di farmaco, se non quelli salvavita con specifica delibera della famiglia e certificato medico.

È lasciata alla responsabilità dei genitori la richiesta di riammissione a Scuola degli alunni dopo una malattia, tenuto conto che la LR 13 del 4 agosto 2003 elimina l’obbligo della certificazione medica. In caso di assenza per malattia infettiva è fatto obbligo avvisare la scuola.

Si ricorda di evitare che i bambini portino a scuola giochi o oggetti di valore: la scuola non risponde in caso di rottura o di smarrimento degli stessi.

I colloqui individuali, oltre a quelli previsti periodicamente, vanno concordarti con le insegnanti interessate.

La Direzione è a disposizione per colloqui ed informazioni previo appuntamento.

I genitori che vengono convocati per iscritto dagli insegnanti e/o dalla Direzione sono tenuti a venire a scuola all’appuntamento dato o a comunicare al più presto, e comunque prima della data fissata per l’incontro, la propria impossibilità a presentarsi, concordando un nuovo appuntamento.

Per la partecipazione dei bambini alle uscite didattiche è richiesta l’autorizzazione scritta dei genitori.

I genitori che abbiano versato la quota prevista per una visita d’istruzione non possono pretendere il rimborso se il figlio/a non vi ha potuto partecipare.

E’ vietato fumare in Istituto, sia nei locali sia in cortile così come l’introduzione di cani.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.